Ciambella campagnola nel fornetto Versilia

Ciambella campagnola nel fornetto Versilia
Ho trovato tra i foglietti delle ricette di mia mamma questa ciambella campagnola, un dolce rustico adatto per la colazione e la merenda accompagnato con da una bella tazza di the o di latte.
Ho diminuito la dose di zucchero che era riportata nella ricetta di mia mamma ed ho utilizzato lo zucchero di canna integrale Muscovado che ha donato alla ciambella campagnola un bellissimo colore ambrato; il fornetto Versilia mi ha permesso di cuocere sul fornello mentre in forno avevo un’altra preparazione (ovviamente la cottura potrà avvenire anche nel forno tradizionale!)

Ingredienti

300 gr farina
120 gr zucchero (in origine 150 gr)
2 uova
1 tazzina da caffè di olio di riso (oppure evo, di girasole, ecc.)
limone succo di ½ + scorza grattugiata
2 tazzine da caffè di latte
1 bustina di lievito per torte
granella di zucchero
burro e farina per la tortiera

Imburrare e infarinare lo stampo scelto, io ho utilizzato il fornetto Versilia visto che in forno stavo cuocendo delle lasagne. 😉
Sgusciare le uova separando tuorli e albumi.
Montare a neve ben ferma gli albumi.
Sempre con le fruste elettriche sbattere i tuorli con lo zucchero, aggiungere il succo di mezzo limone e la scorza grattugiata, l’olio, il latte e la farina miscelata con il lievito, amalgamare bene con l’aiuto delle fruste (tenere a portata di mano il latte nel caso l’impasto fosse troppo sodo e servisse aggiungerne un pochino).
Con una spatola incorporare delicatamente gli albumi a neve con un movimento dal basso verso l’alto.
Riscaldare lo spargifiamma del fornetto Versilia sul fornello medio.
Versare l’impasto nel fornetto, chiudere con il suo coperchio e posizionare sulla base di ghisa già riscaldata, a fuoco alto per i primi 5 minuti poi abbassare al minimo, non aprire il fornetto prima di 30-35 minuti e lasciar cuocere controllando la cottura con uno spiedino di legno attraverso uno dei fori del coperchio (il tempo totale di cottura dipenderà dall’umidità dell’impasto).
A cottura completata togliere dal fuoco, lasciar intiepidire e sformare su una gratella per far raffreddare la ciambella campagnola.

 

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Lasagne con taccole e speck Successivo Tomini infagottati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.