Crème caramel in pentola a pressione

Crème caramel in pentola a pressione
Il crème caramel (o la???) è un dessert al cucchiaio, classico e ampiamente diffuso, in alcuni paesi viene chiamato anche “flan”. La ricetta (presa dal libretto “Cucina leggera” della pentola a pressione) è semplice ed è perfetta per una preparazione anticipata, solitamente la cottura avviene in un bagnomaria al forno ma con l’apposito scodello riesce molto bene anche nella pentola a pressione!

Ingredienti per 6-8 porzioni

4 uova intere
4 tuorli
8 cucchiai rasi zucchero semolato
½ lt latte
semi di vaniglia

per il caramello dello stampo
2-4 cucchiai zucchero
1-2 cucchiaio acqua

Versare 300 ml di acqua nella pentola a pressione (che col calore formerà il vapore), inserire il triangolo distanziatore (terrà sollevato lo scodello dal fondo della pentola).
Caramellare su fiamma vivace lo zucchero con l’acqua direttamente nello scodello senza mescolare, dopo pochi minuti e appena diventerà ambrato togliere dal fuoco e iniziare a rigirare lo scodello in modo da rivestirne il fondo e le pareti (ovviamente per fare ciò proteggere le mani dal calore con le presine o un guanto da forno).
In una terrina sbattere le uova con i tuorli insieme allo zucchero, quindi aggiungere il latte e i semi di un bacello di vaniglia (con un coltello incidere la bacca, allargare il taglio e raschiare l’interno col dorso del coltello), amalgamare bene e versare nello stampo caramellato (nel caso si formasse qualche grumo filtrare con un colino a maglie non troppo fitte).
Posizionare il coperchio sullo scodello e introdurre nella pentola a pressione, chiudere il coperchio della pentola e porre sul fornello a fuoco vivace e dal momento del fischio abbassare la fiamma e calcolare 15 minuti di cottura.
Al termine spegnere il fuoco e lasciare riposare qualche minuto, sfiatare la pentola e quando non uscirà più vapore aprire ed estrarre lo scodello sollevandolo per i suoi manici; sul coperchio si sarà formata dell’acqua che andremo a scolare facendo attenzione a non inclinarlo per non farla cadere nel crème caramel (io uso sollevarlo infilando una forchetta sotto al “ponticello” del coperchio). Ricoprire e lasciar raffreddare poi mettere a riposare in frigorifero almeno per qualche ora, ma è sempre meglio prepararlo il giorno prima.
Al momento del servizio passare un coltello lungo il bordo dello stampo, coprire con il piatto da portata (con i bordi leggermente alti) e rovesciare con un movimento veloce e deciso (nel caso non dovesse staccarsi subito battere sul fondo dello stampo).
Servire.

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Scaloppine al kiwi Successivo Brutti ma buoni al pistacchio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.