Ricette celtiche

Ricette celtiche
Lo scorso sabato abbiamo fatto un salto indietro nel tempo di circa 2400 anni, all’epoca in cui la tribù celtica dei Galli Senoni si installò sull’Appennino emiliano-romagnolo!
Infatti dal 28 al 30 giugno si è svolto a Monterenzio (BO) il IX Festival della Cultura Celtica “I Fuochi di Taranis” e si replicherà anche questo fine settimana, dal oggi a domenica 7 luglio.
Nel parco del Museo archeologico “L. Fantini” è stato ricostruito un accampamento celtico che ci mostra momenti di vita quotidiana con tanto di dimostrazioni di lavoro dell’epoca, cucina e allenamento dei guerrieri… quando siamo arrivati al campo non c’erano molte persone e sembrava veramente di trovarsi catapultati a duemila anni fa! Oltre ai Celti si incontreranno anche Etruschi, Romani e Greci.
Abbiamo assistito a un matrimonio celebrato dal Druido, musiche e danze e alla rievocazione di una battaglia tra Celti ed Etruschi, tutto molto coinvolgente!
Molte le iniziative nell’ambito di questi due week-end: visite guidate al Museo Archeologico L. Fantini (gratuite), agli scavi di Monte Bibele (a pagamento), conferenze, spettacoli dei rievocatori e spettacoli di musica celtica, alcuni giorni di trekking a piedi o in MTB e altro ancora…

1

Ecco il link di Monterenzio Celtica per prendere visione del programma per il prossimo fine settimana http://www.monterenzioceltica.it/index.html se siete in zona non mancate, vale veramente la pena passare qualche ora in questa atmosfera.

2

Una decina i gruppi storici partecipanti alla manifestazione in questi due fine settimana, e girovagando per l’accampamento abbiamo avuto modo di ascoltare interessanti spiegazioni e ovviamente non potevo non soffermarmi nella zona dedicata al cibo, ringrazio le ragazze del gruppo Teuta Foionco per le ricette celtiche, che ho tentato di riprodurre, un piatto unico ben sostanzioso e gradevole!

IMG_2538

Crema di formaggio gallicus
Questa prima ricetta celtica risale al I secolo D.C., DAL “De re rustica” di L.G.M. Columella – capitolo LIX
“…fai a pezzettini formaggio gallico (usare Parmigiano o Pecorino o Ricotta) e pinoli.
In minore quantità, aggiungi nocciole abbrustolite o mandorle. Aggiungi un po’ di olio e un po’ di aceto. Condisci ciò che vuoi…” (io ho usato del pecorino toscano e aceto di mele).

Le successive ricette sono state elaborate dal gruppo Teuta Foionco dopo attente ricerche.

Pane del Foionco
500 gr. farina d’orzo
500 gr. farina di grano o farro
250 gr. burro
sale q.b.
birra scura q.b.
miele se volete renderlo dolce
Mescolare le farine con il burro a dadini o fuso e il sale.
Aggiungere adagio la birra, fino ad ottenere una pasta.
Formare delle palline di circa 5-6 cm. e disporle su una piastra/padella, cuocere a fuoco medio facendole colorire, all’interno restano abbastanza umide. Non ho trovato all’iper la farina d’orzo e non avevo tempo per andare a cercarla quindi ho rivisitato un po’ la ricetta  mescolando farina 0, farina di farro e un pochino di quella di segale.

Polpettine foionche
2-3 scalogni
500 gr. macinato misto di maiale e vitello
200 gr. noci sgusciate
sale q.b.
timo
pepe lungo
dragoncello
alloro
vino bianco
Impastare il macinato con le noci spezzettate, aggiungere il sale e tutte le spezie (tritate) a piacimento e formare delle polpettine di 4-5 cm.
In una padella rosolate lo scalogno con olio, versare le polpettine e lasciarle andare per 2 minuti a fuoco medio, aggiungere mezzo bicchiere di vino bianco e lascarlo asciugare.
Servire il formaggio sul pane foionco e le polpette su crostoni di pane abbrustolito (io ho preferito servirle su un letto di insalatine miste).

Buona cena celtica!

IMG_2555

Le polpette e il formaggio gallicus sono strepitosi, il pane è decisamente diverso da quello che comunemente si acquista o si prepara in casa, ma si accompagna comunque bene con il resto. 🙂

Chi fosse interessato a saperne di più sul foionco può leggere qua.

I prossimi appuntamenti coi Celti saranno:
Druidia, 23-24-25 Agosto a Cesenatico – Parco di Ponente
Mutina Boica, 6-7-8 settembre a Modena – Parco Ferrari

e grazie a chi ha avuto la pazienza di leggere fino qua! 🙂

3

Print Friendly, PDF & Email

Related posts:

Rispondi